Alopecia Combo Therapy diventa protocollo scientifico

Disponibile all‘Istituto Tricologico Romano, che ne ha curato la stesura e la messa a punto. Ma andiamo a vedere come può essere impiegato e su quali condizioni: prima fra tutte l’Alopecia Androgenetica maschile e femminile.

L’alopecia androgenetica (AGA) è una condizione cutanea cronica comune riscontrata dai dermatologi a livello globale. L’AGA è dipendente dagli androgeni ed è caratterizzata da un pattern ereditario ereditario, che inizia con l’avvento della pubertà; nei maschi e nelle femmine predisposti i capelli del cuoio capelluto si assottigliano progressivamente secondo uno schema definito, più spesso al vertice, con miniaturizzazione progressiva e senza cicatrici del follicolo pilifero e del fusto.1 Sfortunatamente, l’AGA è spesso accompagnata da una bassa autostima e ha un impatto negativo sulla qualità della vita. Nonostante la sua prevalenza e la morbilità del paziente, le opzioni terapeutiche per l’AGA approvate dalla Food and Drug Administration (FDA) e dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA) sono limitate alla finasteride orale e al minoxidil topico.

In assenza di altre modalità terapeutiche, i professionisti possono utilizzare il trapianto di capelli chirurgico; tuttavia, i pazienti spesso incontrano un aumento dei costi perché la maggior parte dei piani assicurativi non copre la procedura. Inoltre, i trapianti sono associati a rischi come sanguinamento e infezione e di sicuro da soli non costituiscono la risoluzione estetica dei problemi, poichè sebbene i capelli trapiantati non spariscano, quelli non trapiantati (la maggior parte) subiranno le trasformazioni della miniaturizzazione.

Per tale ragione è stato presentato il protocollo di successo dell’Alopecia Combo Therapy: la terapia rigenrativa che racchiude in un’unica seduta le due migliori terapie rigenerative per il follicolo pilifero, andando a stimolare la fase di crescita (anagen) e le cellule staminali presenti nel bulge follicolare.

La patogenesi dell’AGA è correlata al presunto legame del diidrotestosterone (DHT) ai recettori degli androgeni (AR) situati nel follicolo pilifero. Il DHT è prodotto dalla conversione del testosterone utilizzando la 5-ɑ-reduttasi di tipo 2, un enzima situato nella papilla dermica del follicolo. I livelli di DHT sono influenzati da fattori tra cui l’abbondanza di androgeni deboli, la conversione del testosterone, l’attività degli enzimi che inattivano gli androgeni e l’abbondanza di AR.4˒5 Il derma predisposto per AGA mostra alti livelli di DHT e una maggiore espressione di AR.6

La FNS sistemica, un composto 4-aza-3-ossosteroide inibitore della 5ɑ-reduttasi, è stata ampiamente studiata ed è clinicamente utilizzata per il trattamento dell’iperplasia prostatica benigna (IPB) e dell’AGA.

La FNS agisce inibendo in modo competitivo la 5ɑ-reduttasi di tipo 2, con conseguente inibizione della conversione del testosterone in DHT, sopprimendo notevolmente i livelli sierici di DHT. L’emivita terminale media della FNS è di circa 5-6 ore negli uomini di 18-60 anni e di otto ore negli uomini di età superiore ai 70 anni.

I livelli di DHT tornano alla normalità entro 14 giorni dalla sospensione del trattamento. Si prevede che dopo l’interruzione dell’uso sistemico di FNS per il trattamento dell’AGA, l’inversione della ricrescita dei capelli si verifichi entro 12 mesi.

NewsTricologia

La Finasteride Topica arriva in Italia: una Rivoluzione in Tricologia, assieme alla Combo-Therapy Rigenerativa

scritto da Dott. Luigi Laino 4 Maggio 2021

L’alopecia androgenetica (AGA) è una condizione cutanea cronica comune riscontrata dai dermatologi a livello globale. L’AGA è dipendente dagli androgeni ed è caratterizzata da un pattern ereditario ereditario, che inizia con l’avvento della pubertà; nei maschi e nelle femmine predisposti i capelli del cuoio capelluto si assottigliano progressivamente secondo uno schema definito, più spesso al vertice, con miniaturizzazione progressiva e senza cicatrici del follicolo pilifero e del fusto.1 Sfortunatamente, l’AGA è spesso accompagnata da una bassa autostima e ha un impatto negativo sulla qualità della vita. Nonostante la sua prevalenza e la morbilità del paziente, le opzioni terapeutiche per l’AGA approvate dalla Food and Drug Administration (FDA) e dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA) sono limitate alla finasteride orale e al minoxidil topico.

In assenza di altre modalità terapeutiche, i professionisti possono utilizzare il trapianto di capelli chirurgico; tuttavia, i pazienti spesso incontrano un aumento dei costi perché la maggior parte dei piani assicurativi non copre la procedura. Inoltre, i trapianti sono associati a rischi come sanguinamento e infezione e di sicuro da soli non costituiscono la risoluzione estetica dei problemi, poichè sebbene i capelli trapiantati non spariscano, quelli non trapiantati (la maggior parte) subiranno le trasformazioni della miniaturizzazione.

Per tale ragione è stato presentato il protocllo di successo dell’Alopecia Combo Therapy: la terapia rigenrativa che racchiude in un’unica seduta le due migliori terapie rigenerative per il follicolo pilifero, andando a stimolare la fase di crescita (anagen) e le cellule staminali presenti nel bulge follicolare.

La patogenesi dell’AGA è correlata al presunto legame del diidrotestosterone (DHT) ai recettori degli androgeni (AR) situati nel follicolo pilifero. Il DHT è prodotto dalla conversione del testosterone utilizzando la 5-ɑ-reduttasi di tipo 2, un enzima situato nella papilla dermica del follicolo. I livelli di DHT sono influenzati da fattori tra cui l’abbondanza di androgeni deboli, la conversione del testosterone, l’attività degli enzimi che inattivano gli androgeni e l’abbondanza di AR.4˒5 Il derma predisposto per AGA mostra alti livelli di DHT e una maggiore espressione di AR.6

La FNS sistemica, un composto 4-aza-3-ossosteroide inibitore della 5ɑ-reduttasi, è stata ampiamente studiata ed è clinicamente utilizzata per il trattamento dell’iperplasia prostatica benigna (IPB) e dell’AGA.

La FNS agisce inibendo in modo competitivo la 5ɑ-reduttasi di tipo 2, con conseguente inibizione della conversione del testosterone in DHT, sopprimendo notevolmente i livelli sierici di DHT. L’emivita terminale media della FNS è di circa 5-6 ore negli uomini di 18-60 anni e di otto ore negli uomini di età superiore ai 70 anni.

I livelli di DHT tornano alla normalità entro 14 giorni dalla sospensione del trattamento. Si prevede che dopo l’interruzione dell’uso sistemico di FNS per il trattamento dell’AGA, l’inversione della ricrescita dei capelli si verifichi entro 12 mesi.

Nella sua forma sistemica, vari effetti collaterali come ginecomastia, tensione mammaria, neoplasie maligne del seno maschile, diminuzione dell’eiaculato sono stati segnalati volume, diminuzione delle dimensioni dei testicoli, dolore ai testicoli, riduzione della curvatura del pene, riduzione delle dimensioni del pene, disturbi sessuali, infertilità maschile, cancro alla prostata di alto grado e prostatite.

Questi effetti collaterali sono spesso proibitivi in ​​quanto i pazienti maschi sono sensibili a effetti collaterali sessuali.

Studi sugli animali hanno dimostrato che l’FNS topico può avere effetti protettivi contro l’AGA. Confrontando una soluzione topica FNS al 2% con un estratto di felce (Adiantum capillus-veneris) in un modello di topo albino di alopecia indotta da testosterone, è stato dimostrato una densità follicolare più elevata e rapporti anagen: telogen in gruppi trattati con FNS topico.

Negli esseri umani, l’applicazione topica di FNS per il il trattamento dell’AGA è stato condotto per la prima volta vent’anni fa da Mazarella et al. nel tentativo di analizzarne l’efficacia e la sicurezza.10 Negli ultimi cinque anni, l’evidenza emergente suggerisce che la FNS topica può essere un trattamento promettente con un profilo di effetti collaterali meno grave rispetto alla terapia sistemica. Questa revisione fornirà un riepilogo degli studi clinici passati e attuali che indagano sulla terapia topica FNS per l’AGA.

L’applicazione topica della FNS nel trattamento dell’AGA è un’area di ricerca nella sua infanzia é limitata a un piccolo numero di studi randomizzati controllati, studi prospettici e revisioni retrospettive di cartelle cliniche. I dati complessivi degli studi sull’investigazione dell’efficacia e della sicurezza della FNS topica nell’AGA mostrano risultati promettenti e non inferiorità rispetto alla consegna sistemica.

NewsTricologia

La Finasteride Topica arriva in Italia: una Rivoluzione in Tricologia, assieme alla Combo-Therapy Rigenerativa

scritto da Dott. Luigi Laino 4 Maggio 2021

L’alopecia androgenetica (AGA) è una condizione cutanea cronica comune riscontrata dai dermatologi a livello globale. L’AGA è dipendente dagli androgeni ed è caratterizzata da un pattern ereditario ereditario, che inizia con l’avvento della pubertà; nei maschi e nelle femmine predisposti i capelli del cuoio capelluto si assottigliano progressivamente secondo uno schema definito, più spesso al vertice, con miniaturizzazione progressiva e senza cicatrici del follicolo pilifero e del fusto.1 Sfortunatamente, l’AGA è spesso accompagnata da una bassa autostima e ha un impatto negativo sulla qualità della vita. Nonostante la sua prevalenza e la morbilità del paziente, le opzioni terapeutiche per l’AGA approvate dalla Food and Drug Administration (FDA) e dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA) sono limitate alla finasteride orale e al minoxidil topico.

In assenza di altre modalità terapeutiche, i professionisti possono utilizzare il trapianto di capelli chirurgico; tuttavia, i pazienti spesso incontrano un aumento dei costi perché la maggior parte dei piani assicurativi non copre la procedura. Inoltre, i trapianti sono associati a rischi come sanguinamento e infezione e di sicuro da soli non costituiscono la risoluzione estetica dei problemi, poichè sebbene i capelli trapiantati non spariscano, quelli non trapiantati (la maggior parte) subiranno le trasformazioni della miniaturizzazione.

Per tale ragione è stato presentato il protocllo di successo dell’Alopecia Combo Therapy: la terapia rigenrativa che racchiude in un’unica seduta le due migliori terapie rigenerative per il follicolo pilifero, andando a stimolare la fase di crescita (anagen) e le cellule staminali presenti nel bulge follicolare.

La patogenesi dell’AGA è correlata al presunto legame del diidrotestosterone (DHT) ai recettori degli androgeni (AR) situati nel follicolo pilifero. Il DHT è prodotto dalla conversione del testosterone utilizzando la 5-ɑ-reduttasi di tipo 2, un enzima situato nella papilla dermica del follicolo. I livelli di DHT sono influenzati da fattori tra cui l’abbondanza di androgeni deboli, la conversione del testosterone, l’attività degli enzimi che inattivano gli androgeni e l’abbondanza di AR.4˒5 Il derma predisposto per AGA mostra alti livelli di DHT e una maggiore espressione di AR.6

La FNS sistemica, un composto 4-aza-3-ossosteroide inibitore della 5ɑ-reduttasi, è stata ampiamente studiata ed è clinicamente utilizzata per il trattamento dell’iperplasia prostatica benigna (IPB) e dell’AGA.

La FNS agisce inibendo in modo competitivo la 5ɑ-reduttasi di tipo 2, con conseguente inibizione della conversione del testosterone in DHT, sopprimendo notevolmente i livelli sierici di DHT. L’emivita terminale media della FNS è di circa 5-6 ore negli uomini di 18-60 anni e di otto ore negli uomini di età superiore ai 70 anni.

I livelli di DHT tornano alla normalità entro 14 giorni dalla sospensione del trattamento. Si prevede che dopo l’interruzione dell’uso sistemico di FNS per il trattamento dell’AGA, l’inversione della ricrescita dei capelli si verifichi entro 12 mesi.

Nella sua forma sistemica, vari effetti collaterali come ginecomastia, tensione mammaria, neoplasie maligne del seno maschile, diminuzione dell’eiaculato sono stati segnalati volume, diminuzione delle dimensioni dei testicoli, dolore ai testicoli, riduzione della curvatura del pene, riduzione delle dimensioni del pene, disturbi sessuali, infertilità maschile, cancro alla prostata di alto grado e prostatite.

Questi effetti collaterali sono spesso proibitivi in ​​quanto i pazienti maschi sono sensibili a effetti collaterali sessuali.

Studi sugli animali hanno dimostrato che l’FNS topico può avere effetti protettivi contro l’AGA. Confrontando una soluzione topica FNS al 2% con un estratto di felce (Adiantum capillus-veneris) in un modello di topo albino di alopecia indotta da testosterone, è stato dimostrato una densità follicolare più elevata e rapporti anagen: telogen in gruppi trattati con FNS topico.

Negli esseri umani, l’applicazione topica di FNS per il il trattamento dell’AGA è stato condotto per la prima volta vent’anni fa da Mazarella et al. nel tentativo di analizzarne l’efficacia e la sicurezza.10 Negli ultimi cinque anni, l’evidenza emergente suggerisce che la FNS topica può essere un trattamento promettente con un profilo di effetti collaterali meno grave rispetto alla terapia sistemica. Questa revisione fornirà un riepilogo degli studi clinici passati e attuali che indagano sulla terapia topica FNS per l’AGA.

L’applicazione topica della FNS nel trattamento dell’AGA è un’area di ricerca nella sua infanzia é limitata a un piccolo numero di studi randomizzati controllati, studi prospettici e revisioni retrospettive di cartelle cliniche. I dati complessivi degli studi sull’investigazione dell’efficacia e della sicurezza della FNS topica nell’AGA mostrano risultati promettenti e non inferiorità rispetto alla consegna sistemica.