Laser Low Dose

Come possono alcuni Laser innescare la crescita dei capelli?
Tutto dipende dalla lunghezza d’onda del laser, dalla frequenza del polso, dalla durata della sessione e dalla frequenza di esposizione.
Ad esempio: un laser che opera a lunghezze d’onda di 630-670 nanometri può favorire la proliferazione del follicolo pilifero (ricrescita dei capelli). Ma a lunghezze d’onda di 690-1100 nanometri, un laser può surriscaldare un capello, danneggiare i tessuti molli attorno a un follicolo e distruggere i capelli. C’è un ottimo equilibrio tra due effetti opposti.
E mentre noi sappiamo che la terapia laser a basso livello (LLLT) aiuta a fermare o invertire la perdita di capelli o di diradamento dei capelli, nessuno sa ancora l’ ottimale …
• durata della sessione (minuti di utilizzo)
• numero di sessioni a settimana
• lunghezza d’onda infrarossa o quasi rossa
• numero di diodi laser da utilizzare per pennello o casco
• diametro del raggio

Questo è anche ben riconosciuto in letteratura :
“Sebbene LLLT sia ora usato per trattare un’ampia varietà di disturbi, un numero elevato di parametri come la lunghezza d’onda, la fluenza, la densità di potenza, la struttura degli impulsi e la tempistica della luce applicata devono essere scelti per ciascun trattamento. Una scelta di parametri non ottimale può comportare una riduzione dell’efficacia del trattamento o persino un esito terapeutico negativo. Di conseguenza, molti dei risultati pubblicati su LLLT includono risultati negativi semplicemente a causa di una scelta inappropriata della fonte di luce e del dosaggio. “
Vediamo quindi come agisce in particolare il Laser LLLT nella crescita dei capelli e gli articoli scientifici a supporto

  1. Il calore del laser attiva le proteine da shock termico
    Alcune di queste proteine da shock termico – in particolare HSP27 – sono utilizzate per la proliferazione e la divisione cellulare. E nel cuoio capelluto, l’aumento di queste proteine aumenta anche la proliferazione della radice follicolare. In altre parole, incoraggia la ricrescita dei capelli.
  2. La luce del laser aumenta l’ossigenazione dei tessuti
    Quando la luce infrarossa colpisce una cellula tissutale, quella luce separa l’ossido nitrico da un enzima chiamato citocromo c ossidasi (CCO). Quando l’ossido di azoto si lega all’enzima CCO, sposta l’ossigeno nella cellula e diminuisce la respirazione cellulare. LLLT dissocia l’ossido nitrico dal CCO e, così facendo, aumenta la respirazione cellulare e l’ossigenazione dei tessuti.
    Livelli inferiori di ossigeno tissutale sono osservati nelle regioni calve del cuoio capelluto. Tutto ciò che migliora i livelli di ossigeno del tessuto del cuoio capelluto dovrebbe anche favorire la ricrescita dei capelli.
  3. La luce del laser aumenta il flusso sanguigno
    Dove c’è poco ossigeno, c’è un basso flusso di sangue. Questo perché il sangue trasporta ossigeno alle cellule – quindi non sorprende che le regioni calve abbiano quantità inferiori di entrambe.
    È qui che si accende la luce a infrarossi. Proprio come la luce infrarossa dissocia l’ossido nitrico dalle cellule del tessuto cutaneo, separa anche l’ossido nitrico nelle cellule che costituiscono i nostri vasi sanguigni. L’ossido nitrico si comporta in modo diverso a seconda di dove si trova nel corpo. Nel sangue, l’ossido di azoto in realtà incoraggia la vasodilatazione (allargamento dei vasi), e così qui, più ossido nitrico aumenta il flusso sanguigno. Nelle reti capillari, la separazione dell’ossido nitrico da parte di LLLT è una buona cosa, ma per ragioni completamente diverse.
  4. La luce del laser genera un’infiammazione acuta del tessuto
    Poiché LLLT aumenta la respirazione cellulare e l’ossigenazione dei tessuti, aumenta anche l’attività delle specie reattive dell’ossigeno (ROS) nel tessuto del cuoio capelluto. Potresti aver sentito parlare di queste specie reattive dell’ossigeno (ROS) dai fanatici anti-invecchiamento. Troppi ROS possono aumentare lo stress ossidativo e quindi accelerare l’invecchiamento.
    Ma in dosi acute, i ROS sono effettivamente necessari per la proliferazione cellulare, le risposte infiammatorie e persino la funzione immunitaria. LLLT aumenta il ROS a livello terapeutico (leggi: nondannoso) nei tessuti del cuoio capelluto. I ROS attivano i geni protettivi che favoriscono la proliferazione cellulare, insieme a specifici fattori di crescita associati alla ricrescita dei capelli.
  5. La luce del laser può inibire la 5-alfa reduttasi
    La 5-alfa reduttasi è l’enzima che converte il testosterone libero nel tessuto DHT (diidrotestosterone). Maggiore è la riduttasi 5-alfa, più DHT si accumula nel nostro cuoio capelluto.
    Sul lato positivo, la prova del ruolo del DHT nella perdita dei capelli è forte: 1) il DHT è elevato nei tessuti del cuoio capelluto calvo, 2) gli uomini che sono castrati prima della pubertà (e non possono produrre molto DHT) non diventano mai calvi, e 3 Gli uomini che non hanno l’enzima 5-alfa reduttasi non perdono i loro capelli più tardi nella vita. Ecco perché sono stati fatti farmaci come Finasteride e Dutasteride. Sono inibitori della 5-alfa reduttasi. Riducono la quantità di DHT che si accumula nei tessuti del cuoio capelluto calvo.
    Nella nostra esperienza noi associamo il Laser LLLT ad altre terapie rigenerative del Follicolo come i Fattori di crescita follicolari, effettuati in microinfiltrazioni sottocutanee, con risultati molto significativi.