Alopecia Androgenetica (Calvizie)

Più la conosci, più la curi: uno Studio scientifico lo dimostra

INTRODUZIONE

I capelli svolgono un ruolo molto importante nell’identificazione di genere e agiscono come oggetto di stile, un riferimento di bellezza. I capelli voluminosi significano quindi salute e giovinezza e la caduta dei capelli può influire negativamente sullo stato psicosociale e sulla qualità della vita. Esistono diversi studi precedenti sulle conseguenze psicosociali dell’alopecia androgenetica (AGA) negli uomini e nelle donne La percezione della perdita di capelli potrebbe essere associata a stress psicologico e ridotto la qualità della vita. Tuttavia, la percezione della malattia non è esattamente proporzionale al grado di perdita dei capelli. Diversi pazienti di alopecia androgenetica non hanno riconosciuto la perdita dei capelli fino a quando non sono stati diagnosticati come 
alopecia androgenetica presso la clinica dermatologica. Questa discrepanza tra la percezione della perdita di capelli da parte del paziente e le scoperte cliniche dei medici può essere dovuta alla percezione individuale della perdita di capelli. Alcune persone consideravano l’
alopecia androgenetica come un normale processo di invecchiamento che potrebbe portare all’indifferenza nel trattamento della caduta dei capelli. Sebbene il numero di pazienti sia aumentato, ci sono ancora pochi pazienti trattati correttamente e regolarmente dal dermatologo. Inoltre, vari trattamenti non medici per la crescita dei capelli, come medicine a base di erbe, shampoo sono molto gettonati nella popolazione generale che non comprende che tale patologia possa essere trattata con successo dal dermatologo. La maggior parte dei trattamenti non medici ha mostrato un effetto temporaneo o limitato sulla crescita dei capelli, ma il costo era simile o superiore a quello dei trattamenti medici. I pazienti che hanno ricevuto un trattamento improprio potrebbero ottenere risultati insoddisfacenti e in futuro non hanno avuto alcuna intenzione di sottoporsi al trattamento.

Sulla base di questo concetto, abbiamo studiato lo stato attuale della percezione della perdita di capelli da parte dei pazienti e analizzato vari fattori associati alla percezione e alla disponibilità del trattamento nei pazienti con alopecia androgenetica.

DISCUSSIONE

L’ alopecia androgenetica ha un impatto negativo sull’immagine di sé come la sensazione di vergogna e l’invecchiamento che porta a diminuire nella qualità della vita . Gli studi precedenti hanno rivelato che la diminuzione della quantità di capelli era associata ad una maggiore percezione dell’invecchiamento e ad una diminuzione della percezione di attrattiva e aggressività. Molti studi hanno affrontato l’impatto dell’ alopecia androgenetica sulla qualità della vita, ma relativamente poco è noto sulla disponibilità del trattamento nei pazienti con alopecia androgenetica. La percezione della malattia può causare disagio psicologico e diminuzione della qualità della vita in pazienti con alopecia androgenetica. Come per la maggior parte delle malattie croniche, la disponibilità del trattamento può svolgere un ruolo importante per il mantenimento della gestione a lungo termine nei pazienti con
alopecia androgenetica. Pertanto, abbiamo identificato la porzione di pazienti auto-percepiti e i fattori che influenzano la volontà di trattamento nei pazienti di comunità con alopecia androgenetica.

E’ stato riscontrato che praticamente la metà dei soggetti interessati da uno studio volto a comprendere questi dati, non avevano la percezione della malattia e la meta di questi non aveva volontà al trattamento. Nonostante il fatto che l’ alopecia androgenetica abbia avuto un impatto negativo sulla qualità della vita, abbiamo riscontrato che meno della metà dei soggetti ha risposto che non avevano desiderio di trattamento. La ragione principale della mancanza di volontà di trattamento era che non consideravano l’AGA come una malattia curabile!

Abbiamo trovato che la percezione della perdita di capelli ha aumentato la disponibilità del trattamento nei pazienti con alopecia androgenetica. Nello studio, la metà dei pazienti  (49,1%) non sono stati in grado di riconoscere la loro perdita dei capelli fino a quando non sono stati diagnosticati come alopecia androgeneticaall’esame obiettivo da parte del medico. Questa discrepanza tra la percezione della perdita di capelli da parte del paziente e le scoperte cliniche da parte dei medici può avere varie ragioni, tra cui la percezione individuale della perdita di capelli. Il grado di perdita dei capelli è determinato da metodi oggettivi come l’esame fisico da parte dei medici e grazie alla Tricoscopia digitale, mentre la percezione della perdita dei capelli dipende principalmente dal sentimento soggettivo dei pazienti o dalla percezione percepita da parte degli altri. Pertanto, l’autopercezione della perdita dei capelli gioca un ruolo importante nella disponibilità del trattamento.

La gravità della perdita dei capelli potrebbe influenzare la volontà del trattamento. I nostri risultati hanno suggerito che gli uomini con grave perdita di capelli hanno maggiori probabilità di ricevere un trattamento in futuro. Anche se la percezione non è esattamente proporzionale al grado di perdita dei capelli, abbiamo ipotizzato che una maggiore quantità di perdita di capelli ha sollevato la maggiore insoddisfazione che porta ad aumentare la volontà di trattamento.

E’ stato identificato che una conoscenza accurata dell’ alopecia androgenetica ha avuto un effetto positivo sulla disponibilità del trattamento. Nel nostro studio, i soggetti istruiti hanno mostrato in modo significativo una tendenza 1,7 volte superiore a ricevere il trattamento in futuro rispetto ai soggetti non istruiti.

Abbiamo ipotizzato che un trattamento improprio del passato potrebbe causare una diminuzione del desiderio di trattamento. Il genere può influenzare la volontà del trattamento. Sebbene le donne siano geneticamente meno suscettibili all’ alopecia androgenetica. Tuttavia, non abbiamo riscontrato differenze nella disponibilità del trattamento in base al sesso.

Il fattore più importante era la percezione da parte dei pazienti della perdita dei capelli. È interessante notare che il sesso e la storia passata del trattamento di alopecia androgenetica non hanno avuto un’associazione significativa con la volontà di trattamento in questo studio. A causa della limitazione dello studio trasversale, non possiamo trovare le inferenze causali tra questi fattori e la volontà di trattamento. Le nostre scoperte implicano che i pazienti con percezione della perdita di capelli e una comprensione accurata dell’ alopecia androgenetica potrebbero avere più possibilità di ricevere cure in futuro. Pertanto, questi elementi dovrebbero essere presi in considerazione quando si trattano i pazienti per ottenere i risultati soddisfacenti del trattamento. Inoltre, i dermatologi dovrebbero fare più sforzi per fornire informazioni accurate sulla perdita di capelli ai membri della comunità.