Trapianto di capelli

trapianto capelli pre post

Il trapianto di capelli comporta la rimozione dei capelli dal cuoio capelluto occipitale e il reimpianto nel vertice calvo e nel cuoio capelluto frontale.
Con le tecniche moderne, la sopravvivenza dell’innesto superiore al 90% può essere raggiunta in modo affidabile.
I prerequisiti per la procedura sono la stabilizzazione della perdita di capelli con trattamento medico e una buona popolazione di capelli da donatore sui capelli occipitali.

La moderna tecnica di trapianto di capelli è stata avviata in Giappone negli anni ’30, dove piccoli innesti di punch venivano usati per coprire sopracciglia o ciglia danneggiate (187).
Norman Orentreich ha riferito sull’uso degli autotrapianti e ha proposto il termine “dominanza dei donatori”, in quanto i capelli prelevati dal cuoio capelluto occipitale resistente agli androgeni rimangono resistenti agli androgeni quando impiantati nelle aree calve del cuoio capelluto sensibili agli androgeni.

Nel 1995, Bernstein, Rassman e altri hanno introdotto il ” Trapianto di unità follicolari ” , in cui i capelli vengono trapiantati in unità di 1-4 capelli naturali (188). Nel ” Trapianto di unità follicolari “, i capelli donatori possono essere raccolti in due modi diversi:

Tecnica Strip : Una striscia di cuoio 8 – 14 mm e 20 – 30 cm viene rimossa in anestesia locale, dal cuoio capelluto occipitale e la ferita viene quindi suturata di nuovo insieme. I capelli del donatore vengono quindi separati in unità follicolari e quindi trapiantati nell’area della calvizie. Il principale svantaggio di questo metodo è che lascerà una cicatrice lineare nell’area occipitale del donatore.

Estrazione di unità follicolari (FUE) Raccolta
: i singoli follicoli di capelli occipitali vengono rimossi in anestesia locale con biopsie di puntura da 1 mm. Ogni unità viene quindi reinserita sul cuoio capelluto nelle aree calve utilizzando una micro lama. In questa tecnica, non ci sono cicatrici visibili quando si eliminano singole unità follicolari invece di una grande quantità di tessuto e si impiega poco tempo a guarire piuttosto che strappare la raccolta.

Entrambe le tecniche possono ottenere buoni risultati, ma i trapianti di unità follicolari hanno il vantaggio di essere in grado di raggiungere densità di capelli molto più elevate.
È preferibile che i candidati chirurgici abbiano una perdita di capelli frontale o mediana rispetto alla perdita di capelli al vertice e che la densità dei capelli del donatore debba essere adeguata per supportare l’intervento (cioè> 40 unità follicolari / cm 2).
Inoltre, i peli più spesso donatori sono in grado di creare una copertura migliore rispetto ai capelli più fini. Gli svantaggi dei trapianti di capelli sono un aumento del tempo e del fabbisogno di manodopera, il che si traduce in maggiori costi per il paziente.
I peli trapiantati sembrano andare immediatamente in una fase di riposo telogen dopo l’inserimento. Pertanto i risultati chirurgici possono essere valutati in modo adeguato solo dopo tre mesi dall’intervento.
C’è sempre un certo grado di fallimento dell’innesto. Varie ragioni spiegano trapianti morti, tra cui l’abilità del chirurgo, la densità del posizionamento dell’innesto, la manipolazione incurante e la preparazione delle unità di innesto e l’essiccamento degli innesti in attesa dell’inserimento.

Riduzioni del cuoio capelluto si traducono in un aspetto più naturale con cicatrici da escissione che tendono ad essere più evidenti nel tempo.
Inoltre, l’incapacità di prevedere un’ulteriore perdita di capelli nel tempo in ciascun paziente ha comportato che le procedure siano ora eseguite in modo non comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.